Passa ai contenuti principali

I SOGNI NON SI AMMALANO di GIUSEPPE FODERARO

I SOGNI NON SI AMMALANO
di Giuseppe Foderaro
(Ultra Novel)

Giuseppe Foderaro è uno scrittore nomade e atipico, così poco italiano, sempre in bilico fra partenze, ritorni e viaggi metropolitani  trasfigurati fra luci e ombre delle notti inquiete. Non aspettatevi stereotipi o ammiccamenti fra le sue pagine, non li troverete.  Troverete le storie, quelle vere, e un grande capacità di non ripetersi mai, spaziando fra generi, stupendo i suoi lettori ogni volta. Ecco un estratto dal suo ultimo romanzo.

ESTRATTO
Sante era tornato ai Balzi Rossi, questa volta da solo. Guardare il mare gli dava pace, gli sembrava che non si fermasse mai, arrivava e poi si ritirava.
Le onde si infrangevano e poi si riformavano appena più indietro. Al mare non veniva mai in mente di lasciar perdere, di arrestarsi davanti a un ostacolo.
Anche se trovava uno scoglio sul suo cammino, preferiva dividersi in due per poi ricongiungersi più avanti come se nulla fosse. Riprendeva il suo corso senza farsi impressionare. Era lì fin dalla preistoria, e lì sarebbe rimasto. Le rocce si frantumavano, il mare no. Cambiava forma, mutava percorso come i fiumi, si alzava, si abbassava, ma stava sempre lì. Si volse bruscamente e si allontanò. Attraversò la terrazza del belvedere, poi seguì il declivio fino al mare in senso obliquo, cercando di zampettare come un trampoliere, posando i piedi tra un ciottolo e l’altro e scegliendo il percorso
con cura. Ci mancava solo che si slogasse una caviglia proprio adesso.
Verso la punta dello sprone roccioso, scogli isolati affioravano dalle onde.
Camminava un po’ incerto, come non fosse ben convinto della direzione, poi prese a seguire l’andamento irregolare dei sassi, metteva i piedi dove c’era spazio, senza badare troppo a dove stesse andando, era divertente stare a occhi bassi guardando il terreno, gli animali facevano così quando sceglievano un percorso, si adattavano al territorio, mettevano a punto tecniche di sopravvivenza inconsce. Senza accorgersene era arrivato alla battigia, e i primi spruzzi gli bagnarono le scarpe. Allora si fermò, sperava che dalla terrazza nessuno lo stesse guardando, avrebbero potuto scambiarlo per un suicida, e poi fornire spiegazioni sarebbe stato complicato. Finse per un attimo di essere l’ultimo uomo al mondo, e quel pensiero stranamente gli fu di conforto. Se eri l’unico essere umano non avevi bisogno di spiegare niente a nessuno, non occorreva neanche parlare. Come pensiero era rassicurante.

Senza nemmeno saperlo, si stava riempiendo i polmoni di speranza.


IL ROMANZO

Sante Tonelli è una giovane promessa del pentathlon moderno. La sua vita scorre come per tutti gli sportivi, in giro per palestre e palazzetti nella speranza di qualificarsi per le Olimpiadi di Rio. Proprio quando riesce a ottenere contro ogni pronostico il ranking olimpico, scopre di avere una malattia degenerativa di tipo progressivo. Il suo medico gli assicura che esiste una cura in grado di bloccare il decorso, ma i trattamenti lo farebbero risultare positivo agli esami antidoping. C'è allora una sola possibilità per coronare il suo sogno, ed è quella di nascondere a tutti il suo stato di salute, confidando nell'assunzione di pochi e inefficaci antidolorifici. La vita però non può fare a meno di scorrere veloce: la storia d'amore con Sandra che diventa sempre più seria, la sorellina Leila, piccolo genio ribelle che gli dà filo da torcere, i giornalisti d'assalto che non vedono l'ora di creare scoop inesistenti. Ma i tempi si accorciano, i traguardi sono linee che s'intravedono solo in lontananza e i sintomi di Sante iniziano a interferire con gli allenamenti. Le sue prestazioni calano, e quelli che vivono attorno a lui, dai compagni di squadra ai familiari, cominciano a sospettare che sia sotto l'effetto di qualche sostanza dopante. Inizia allora la vera sfida, quella che non finisce mai e si combatte da soli, contro i propri limiti, per i propri sogni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fabio Ivan Pigola racconta Divergenze. Intervista esclusiva.

Ciao Fabio, l’anno scorso mi parlasti di un tuo progetto che mi parve ardito e temerario e adesso esiste Divergenze. Tu sei il tipo che dice e poi fa, qualità rara e abbastanza speciale. Mi racconti il progetto? Certo. Prima di tutto grazie per l’interesse, mai così scontato. Ricordo ti parlai del progetto quand’era ancora in embrione, e siccome non sono uomo di parole perché amo il singolare, ecco Divergenze, casa editrice fedele alla linea della qualità a tutti i costi (che assolve in pieno l’editore, per chiarire da subito la posizione nei confronti della vanity press). E se gli umoristi dicono che la fedeltà è la virtù di chi sta per essere tradito, rispondo che preferisco ricevere una fregatura anziché darla. Per ridurre al minimo il loro influsso, ho eliminato le sirene del lucro: il marchio non è sul mercato per fare soldi. Ovviamente è una attività commerciale, ma le priorità sono altre. La prima è promuovere titoli che il mercato ha confinato ai margini o seppellito del tutto…

Le stanze dell'addio di Yari Selvetella

Yari Selvetella Le stanze dell'addio Bompiani,2018


“Siamo già noi soli, su quel peschereccio. Ci muoviamo su un mare denso che la prua non increspa. Indossiamo vecchie salopette da sciatori, mangiamo biscotti preparati dalla moglie del capitano. Siamo venuti in cerca di balene e di tanto in tanto emerge qualcosa: una gobba, un sospiro, una pinna caudale, una vocale, molte vocali. Siamo noi e alcuni pensionati norvegesi, una coppia asiatica, il mare scuro, nessuna onda, nessun animale per intero, finché il capitano non fornisce canne da pesca a tutti i passeggeri:la superficie è nera, appena l'amo affonda abbocca un merluzzo, un grosso nasello boccheggiante dall'occhio tondo, dalle squame lucide... il nostro bambino, il più piccolo, ha paura di quei pesci guizzanti e luminescenti, gli altri si divertono. Più riescono, più sorridono. Loro vivono nel presente e io sospiro, non so ma sospiro...Ti chiamo anche se la telefonata internazionale costa molto. Sei lì a qualche chilomet…

LIBERO ARBITRIO di MICHELA DE MATTIO

LIBERO ARBITRIO di Michela De Mattio
Foto di Camilla Coppola
LIBERO ARBITRIO
Stava seduta in macchina da un paio d’ore. Indossava un vestito nero, corto e aderente. Ai piedi, un paio di scarpe tacco dodici. Aspettava. A un certo punto lui sarebbe uscito dallo studio legale e si sarebbe diretto alla sua Renault Megane. L’aveva parcheggiata di fronte a lei, dall’altra parte della strada. Forse indossava quell’abito grigio che le piaceva tanto, sopra una camicia bianca.
Contemplò l’immagine del suo viso nello specchietto retrovisore. Nei suoi occhi, un incendio. Fece una smorfia di compiacimento. Ripensò a quando Matteo le aveva rivolto la parola la prima volta. Il suo viso, il corpo asciutto e muscoloso, quel sorriso da bambino. Odio, odio puro. Ecco ciò che provava.
Erano state le parole di lui a risvegliare quel sentimento nel suo animo. O forse no. Forse c’era già da tempo. Scosse più volte la testa, e così fece la donna nello specchietto retrovisore.
Sì, l’odio c’era già. Però non era …